ITA | ENG 
 

21 SETTEMBRE 2015
MEDICI SENZA FRONTIERE AVVIA UNA CAMPAGNA DI RACCOLTA PER IL VILLAGGIO DELLE DONNE DI MASISI

Comunicato stampa:

 

MSF: “UN PARTO SICURO SALVA DUE VITE”
Dal 21 settembre al 4 ottobre si dona con SMS solidale al 45509 per sostenere il Villaggio delle Donne di MSF a Masisi (Rep Democratica del Congo)

 Loris De Filippi, MSF: “Salvare la vita di una madre significa salvare un’intera famiglia. Con l’aiuto di tutti possiamo garantire un parto sicuro per migliaia di donne e di bambini.”

 In Repubblica Democratica del Congo, afflitta da una guerra civile di indicibile violenza, troppo spesso dare la vita significa anche perderla. È il tragico destino di 730 donne e 4.350 bambini ogni 100.000 nascite, un tasso di mortalità tra i più elevati al mondo. Ma al Villaggio delle Donne di Medici Senza Frontiere (MSF) a Masisi, nella zona del Nord Kivu tra le più colpite del conflitto, 4.000 madri nel solo 2014 hanno dato alla luce i loro bambini in modo sicuro, numeri pari a quelli di un grande ospedale italiano come il Fatebenefratelli di Roma. Per continuare quest’azione, MSF lancia la campagna di raccolta fondi “Un parto sicuro salva due vite”: dal 21 settembre al 4 ottobre si possono donare 2 o 5 euro via SMS o chiamata al numero 45509. Bastano 10 euro per garantire a una donna un parto sicuro. Un piccolo contributo che può fare la differenza tra la vita e la morte.

La Repubblica Democratica del Congo (RDC) è uno dei paesi più poveri al mondo, tanto da essere penultimo su 187 paesi nella classifica mondiale delle Nazioni Unite. Il paese è afflitto da decenni di guerra civile, dal 1994 ha perso più di 5 milioni persone nella cosiddetta “Guerra mondiale d’Africa” e detiene inoltre il triste primato del più alto numero di stupri al mondo, con una stima scioccante di 48 stupri ogni ora.

È qui, nell’area del Nord Kivu, dove oltre 500.000 persone sono sfollate a causa del conflitto e sono vittime di scontri e di violenze, che MSF ha aperto il Villaggio delle Donne, uno speciale reparto di maternità nell’ospedale di MSF a Masisi, l’unico vero ospedale di riferimento in un distretto sanitario di oltre 420.000 persone, tra cui 65.000 sfollati, particolarmente vulnerabili.

 Questa situazione di instabilità costituisce un grave rischio per le donne di Masisi. Per evitare di incorrere nelle violenze si rivolgono ai servizi sanitari solo quando la situazione si aggrava e spesso è troppo tardi. L’inaccessibilità delle zone più remote le costringe a muoversi a piedi per chilometri, oppure vengono trasportate dalla famiglia su barelle fatte in casa fino a raggiungere un medico. Così, migliaia di donne e di bambini muoiono ogni anno per complicanze legate alla gravidanza o per parto interrotto.

Quando la vita di una madre è a rischio, rischiano la vita anche il nascituro e i figli più grandi, che restano abbandonati a se stessi: salvare la vita di una madre significa salvare un’intera famiglia” ha detto Loris De Filippi, presidente di MSF. “Con l’aiuto di tutti possiamo garantire un parto sicuro per migliaia di donne e di bambini e assicurare assistenza medica gratuita a tutte le persone sfollate a causa della violenza nell’area di Masisi”.

 IL VILLAGGIO DELLE DONNE A MASISI PER GARANTIRE UN PARTO SICURO
Il Villaggio delle Donne di MSF
è un reparto di maternità con 76 posti letto, ma è anche una casa d’attesa per le madri, dove le donne con gravidanze complicate o precedenti di aborto possono soggiornare mentre attendono la data prevista del parto, accolte e assistite da Maman Agathe (video) e dal team medico di MSF. Qui sono sottoposte a visite di controllo periodiche e ricevono vitto, alloggio, un’educazione sanitaria generale e un clima di familiarità e condivisione.

“Qui ci sono molte donne vulnerabili”, racconta Maman Agathe, consulente per la salute materna all’ospedale MSF di Masisi. “Sono sfollate o vittime di guerra. Arrivano con niente e sono molto spaventate. Ricevono una tazza, del dentifricio e un gomitolo di lana per lavorare a maglia un berretto per il loro bambino. Non vedo queste donne come delle pazienti, sono le mie figlie e con loro devo parlare, ballare, condividere.”

Nel solo 2014 MSF ha assistito quasi 4.000 donne durante il parto e ha effettuato oltre 17.000 visite di controllo pre‐parto e quasi 6.500 visite di controllo post‐parto, con l’obiettivo di far nascere bambini sani e garantire loro un futuro. A Masisi si effettuano anche azioni di prevenzione della trasmissione del virus HIV da mamma a bambino durante la gravidanza. Mentre per raggiungere le località più remote, assistere le pazienti che non possono muoversi e trasportare i casi più complicati all’ospedale, MSF ha anche attivato un servizio di cliniche mobili, affrontando il rischio delle pessime condizioni stradali e dei gruppi armati. Grazie a questo sistema, vengono eseguite in media 40 visite al giorno, in più di 7 aree del territorio. Nell’ambito del progetto MSF fornisce anche attività sanitarie di base, incluse campagne di vaccinazioni per i bambini, cure specialistiche e interventi chirurgici.

Nel distretto di Masisi MSF è l’unica organizzazione a fornire gratuitamente assistenza medica di base e specialistica grazie a un team di 100 operatori internazionali e nazionali. MSF gestisce tutti i reparti dell’Ospedale di Masisi e offre servizi di ginecologia, ostetricia, maternità, pediatria e traumatologia.

UN SMS AL 45509 PER SALVARE LA VITA DI MAMMA E BAMBINO
Dal 21 settembre al 4 ottobre si dona al numero 45509
per sostenere l’intervento di MSF all’ospedale di Masisi. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali, sarà di 2 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Vodafone e TWT e di 2 o 5 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali.
I fondi raccolti tramite la numerazione solidale saranno totalmente destinati a sostenere il nostro intervento all’ospedale di Masisi. Bastano 10 euro per garantire a una donna un parto sicuro, grazie all’acquisto di kit medici specifici per salvare mamma e bambino. Il sostegno tramite la raccolta solidale può fare la differenza tra la vita e la morte di molte persone.

“Un parto sicuro salva due vite” rientra tra le attività della campagna #Milionidipassi che MSF ha dedicato a tutte le persone che in decine di paesi del mondo sono costrette a fuggire per sopravvivere a guerra, violenza e povertà. L’obiettivo della campagna è ridare umanità al tema delle migrazioni forzate e garantire il diritto di tutti ad avere salva la vita.

I PARTNER DELLA CAMPAGNA
L’iniziativa ha ricevuto il sostegno del Segretariato Sociale RAI, di La7, della Federazione Italiana Giuoco Calcio FIGC e di altri partner.

INC – Istituto Nazionale per la comunicazione
Viale Regina Margherita, 290
00198 - Roma
Tel: (+39) 06 4416081
Fax: (+39) 06 44254385
segreteria@inc-comunicazione.it
P. IVA 01014351009